La celerità della PEC non fa la differenza

L’Ufficio di Supporto Giuridico del MIT ha evidenziato che, alla luce del “nuovo” Codice, in caso di indicazione del numero massimo di operatori economici da invitare alle procedure negoziate, i criteri per la scelta dei concorrenti da invitare dovrebbero essere oggettivi, coerenti con l’oggetto e la finalità dell’affidamento e con i principi di concorrenza, non discriminazione, proporzionalità e trasparenza. Pertanto, come sottolineato nel parere n. 2597/2024, il criterio secondo il quale verranno invitati i 5 o 10 operatori economici che abbiano manifestato interesse per primi tramite PEC non soddisferebbe le predette condizioni, apparendo piuttosto assimilabile ad una metodologia di selezione casuale.

Autore

Views: 13

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *