Principio della suddivisione in lotti di una gara: come affrancarsi dal vincolo

Il principio generale della suddivisione in lotti di una gara d’appalto va adattato alle peculiarità del caso di specie ed è, pertanto, suscettibile di deroghe in presenza di giustificati motivi, da indicare nella lex specialis. E', infatti, necessario non comprimere eccessivamente la discrezionalità attribuita alle stazioni appaltanti nella predisposizione degli ...
/

Progressioni verticali: il colloquio non è previsto tra i criteri selettivi

L’articolo 52. comma 1-bis, fissa i criteri sulla base dei quali effettuare le progressioni verticali, che non citano il colloquio da nessuna parte. Introdurre colloqui come criterio di valutazione è, quindi, illegittimo e inefficace (lo abbiamo evidenziato in passato qui e qui). La sentenza del tar Campania, Sezione II, 11.3.2024, ...
/

Legittima la procedura negoziata in luogo dell’affidamento diretto

Deve ritenersi legittimo l’utilizzo della procedura negoziata in luogo dell’affidamento diretto, purchè tale scelta venga adeguatamente motivata. Queste sono le indicazioni fornite dall’Esperto Risponde (in collaborazione con ITACA) per la provincia autonoma di Trento e Bolzano, nel parere n. 374/2024. Il quesito posto dalla stazione appaltante Una stazione appaltante aveva ...
/

Sotto soglia: spunti per motivare eventuali procedure ordinarie

Interessanti, come sempre, le riflessioni di Stefano Usai sul problema dell'applicabilità delle procedure ordinarie nel sotto soglia. Anche alla luce di detto approfondimento, si potrebbe essere portati ad ritenere che mentre nel sotto soglia non si deve spiegare perchè si ricorre alle procedure semplificate, in quanto la motivazione è data ...
/

Revoca di stabilizzazione: motivazione doc

   Il potere di revoca esercitato da un’amministrazione pubblica deve essere motivato poiché è necessario operare un bilanciamento tra le esigenze (ad esempio, finanziarie) dell’ente e l’interesse legittimo di chi ha titolo per partecipare non ad un mero concorso pubblico, bensì a una procedura specifica. La motivazione circa le preminenti esigenze ...
/

La sanzione per la mancata o tardiva redazione della relazione di fine mandato

L’articolo 4 del decreto legislativo n.149/2011, come novellato dall’art. 11 del decreto-legge 6 marzo 2014, n. 16 convertito dalla legge 2 maggio 2014, n. 68 ha introdotto l’obbligo per i Presidenti delle province e per i Sindaci dei comuni di redigere una relazione di fine mandato secondo lo schema tipo ...
/

Visits: 31395