Anac: consentito “in via generale” utilizzare procedure ordinarie nel sottosoglia

Si tratta di un parere, non di una legge, per parafrasare le parole del presidente del Consiglio di Stato, Carbone.

Resta, comunque, il fatto che l’affannosa ricerca di molti interpreti ed esegeti di un “divieto” di utilizzare le procedure ordinarie nel sotto soglia non produce risultati. Se non al prezzo di entrare nel tunnel della contraddizione in termini, quando si afferma che l’utilizzo delle procedure semplificate è volto ad esaltare la discrezionalità amministrativa, negando detta discrezionalità, però, se l’ente ritenga opportuno avvalersi di procedure più aperte al mercato. Per altro, avvalendosi di procedure più aperte al mercato, non solo si applicano i principi generali del codice (tempestività non vuol dire gestire le gare in un battito di ciglio, ma svolgerle nel rispetto di tempistiche programmate), ma soprattutto si rispettano le indicazioni del Trattato Ue e della Costituzione.

Nel sotto soglia, le procedure semplificate sono un’opportunità, non un’imposizione. Non v’è nessun elemento sensato per sostenere la sussistenza del divieto di agire con le procedure ordinarie.

Autore

Visits: 511

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *