Cassa vincolata, via i vincoli di legge

Un emendamento al D.L. 19/2024 sembra destinato a intervenire sul tema della gestione della cassa vincolata, al fine di alleggerire l’impatto della deliberazione n. 17/SEZAUT/2023/QMIG della Corte dei conti – Sezione delle autonomie.

Il correttivo era nell’aria, anche per evitare ulteriori, inutili complicazioni gestionali in vista della chiusura del rendiconto della gestione 2023.

La questione era stata esaminata lo scorso 14 febbraio dalla Commissione Arconet, che aveva esplorato  tre soluzioni;

1) eliminare il vincolo della cassa solo per le entrate vincolate da legge “cd. deboli”. 

2) eliminare il vincolo della cassa per tutte le entrate vincolate da legge, mantenendolo solo per trasferimenti, mutui e finanziamenti);

3) sostituire la disciplina della cassa vincolata con quella della programmazione dei pagamenti.

Il legislatore ha puntato sulla soluzione 2). Essa prevede le seguenti modifiche al Tuel:

a) all’articolo 180, comma 3, lettera d), sono eliminate le parole “da legge,”;

b) all’articolo 185, comma 2, lettera i), sono eliminate le parole “stabiliti per legge o”;

c) all’articolo 187, comma 3-ter, aggiungere alla fine il seguente periodo: “Il regime  vincolistico di competenza si estende alla cassa solo relativamente alle entrate di cui  alle lettere b) e c).

A parere di chi scrive, è la scelta migliore, perché in questo modo si introduce una reale semplificazione, anche in considerazione del fatto che gran parte dei trasferimenti già oggi non determinano la formazione di cassa  vincolata essendo perlopiù erogati a rendicontazione.

Autore

Visits: 327

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *