Meglio il badge del riconoscimento facciale

Il Garante per la protezione dei dati personali ha divulgato la notizia di aver sanzionato cinque società accusate di aver trattato illecitamente dati biometrici. In particolare, ad avviso dell’autorità indipendente, il riconoscimento facciale per controllare le presenze sul posto di lavoro violerebbe la privacy dei dipendenti poiché, al momento, mancherebbe una norma che permetta l’uso di dati biometrici per svolgere una tale attività. Peraltro, dalle operazioni ispettive svolte in collaborazione con il Nucleo speciale privacy e frodi tecnologiche della Guardia di finanza, sarebbero emerse anche ulteriori violazioni. Nello specifico, si sarebbe accertata la condivisione, per più di un anno, dello stesso sistema di rilevazione biometrica da parte di tre aziende, in assenza delle misure tecniche e di sicurezza adeguate. Inoltre, le medesime non avrebbero fornito una informativa chiara e dettagliata ai lavoratori né avrebbero effettuato la valutazione d’impatto. In definitiva, quindi si sarebbero dovuti preferire sistemi meno invasivi per controllare la presenza dei propri dipendenti sul luogo di lavoro (es. il badge).

Autore

Visits: 11

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *