Esternalizzazione anomala

Interessandosi ad una gara indetta da una Asl per affidare in outsourcing attività di supporto all’assistenza infermieristica presso i Presidi Ospedalieri e Territoriali, l’Autorità Nazione Anticorruzione ha constatato rilevanti profili di anomalia e criticità. Nello specifico, la procedura sarebbe risultata carente […]

» Leggi tutto

La concorrenza subordinata al risultato? Il codice dei contratti è contrario all’ordinamento europeo

Scrive Carmine Volpe, Presidente Aggiunto del Consiglio di Stato, nell’articolo “Il nuovo Codice dei contratti pubblici: dall’emergenza del modello Genova a nuove procedure di ordinaria efficienza per la competitività sul mercato”, reperibile qui: “Due brevi considerazioni sui principi. L’art. 1, […]

» Leggi tutto

Non bastano i principi di risultato e fiducia ad arginare gli evidenti rischi dell’azzeramento della concorrenza

Nei giorni scorsi si è fatto un gran parlare del ruolo dei sindaci rispetto alle novità del nuovo codice dei contratti. Echeggiano ancora le parole del presidente dell’Anac riferite all’estensione, oggettivamente parossistica, degli affidamenti diretti: “Sotto i 150.000 euro va […]

» Leggi tutto

Tutti i rischi degli appalti sottosoglia “regionalizzati” e dei poco meditati principi enunciati dal nuovo codice

I rischi dell’autonomia differenziata? Ben rappresentati dalla sentenza della Corte costituzionale 17.3.2023. n. 44. La Consulta dichiara illegittimo l’articolo 9 della legge regionale del Veneto, perchè esonerando stazioni appaltanti regionali dall’applicazione della ritenuta dello 0,50% a garanzia dei versamenti agli […]

» Leggi tutto

Negli affidamenti diretti bisogna rispettare i principi generali. Il repetita iuvant del TAR Friuli.

Che la confusione negli affidamenti diretti regni sovrana è, ormai, un dato di fatto. La corretta applicazione di questo istituto, oggi, trova un suo fondamento solo in via giurisprudenziale e dottrinale. Ed anzi, sovente è proprio l’interpretazione di quest’ultima, la […]

» Leggi tutto