Il principio del risultato permea il rapporto

Secondo i giudici amministrativi capitolini (sentenza n. 5834/2024), costituirebbe principio immanente alla disciplina dei rapporti tra appaltatore e committente pubblico quello che pone a carico del primo tanto un particolare “dovere cognitivo” (delle condizioni richieste ai fini della corretta esecuzione […]

» Leggi tutto

Chiarire non vuol dire modificare

I chiarimenti resi dalla stazione appaltante nel corso di una gara d’appalto non presenterebbero alcun contenuto provvedimentale, non potendo costituire integrazione o rettifica della lex specialis di gara. Essi, infatti, sarebbero ammissibili solo se contribuiscono, con un’operazione di interpretazione del […]

» Leggi tutto
1 2 3 11